Ultimi aggiornamenti

A Montescaglioso (Matera) il Cucibocca, essere misterioso che nasconde il viso e la bocca tra capelli e barba bianchissimi, si aggira nella notte in cerca di silenzio.

Non è ancora chiaro la provenienza di questa misterioso personaggio. Molti studiosi però lo confrontano con Arpocrate raffigurato proprio nella stupenda abbazia di San Michele a Montescaglioso.

Nella mitologia egizia, Arpocrate (dio “Hor pa khred”, ossia Horo) è il figlio di Iside ed Osiride che fu punto da uno scorpione e che guarì grazie alla magia della madre, divenendo così il simbolo delle guarigioni.

Iside era considerata la detentrice delle conoscenze segrete e dei poteri magici
Veniva definita “Potente di voce” ovvero la sua “potenza” proveniva dalla capacità di pronunciare determinati nomi, parole o formule magiche (Hekau) in modo corretto e col giusto tono di voce e quindi disporre di grandi poteri fra cui quelli di comandare gli spiriti e riportare in vita i defunti.

Arpocrate, divenuto poi simbolo dei segreti iniziatici (Dio del Silenzio), viene raffigurato nell’abbazia di San Michele a Montescaglioso come un vecchio incappucciato, con un indice rivolto verso le labbra e l’altro puntato verso la parola: “Silentium” – Silenzio.

Intorno a lui leggiamo:
<Silentium sit vobis charum ut vivet non sit amarum>
Il silenzio vi sia caro affinché il vivere non sia amaro

Primo videoclip dei misteri della Basilicata,
Puntata completa del mistero de “La carrozza fantasma”.

Ecco la leggenda che vede come protagonista il ponte San Vito, situato a Potenza.

 

 

 

www.ungiroinbasilicata.it

A Potenza, lungo il fiume Basento, poco lontano dal centro storico, si trova un piccolo ponte lastricato in pietra risalente al periodo romano da tutti conosciuto con il nome di Ponte San Vito. L’opera fatta risalire al tempo dell’imperatore Diocleziano, ha subito nel tempo svariati interventi di restauro per via dell’enorme importanza che questo ponte ha rivestito nel tempo.

Infatti questo viadotto fungeva da collegamento lungo la via Erculea. Quello che, però, ha incuriosito noi autori di Basilicata Mistero è un evento soprannaturale segnalatoci da alcuni abitanti del posto che si sono detti testimoni del fatto. Questo fenomeno alquanto particolare sembrerebbe avvenire durante la notte del solstizio d’estate.

Un carro trainato da due cavalli giungerebbe nei pressi del vecchio ponte costeggiando il fiume. Una volta arrivato a metà dello stesso, i cavalli verrebbero spronati al galoppo da un cocchiere invisibili per poi gettarsi nel fiume. Quanti hanno assistito a questa scena, dicono di essersi immediatamente sporti al di là del parapetto senza però trovare alcuna traccia della misteriosa carrozza fantasma. Noi di Basilicata Mistero abbiamo fatto qualche ricerca sull’incidente, per capire se in passato si fosse realmente verificato un fatto di questo genere.

Ma pare che questa vicenda non sia riportata in nessun documento né agli anziani del posto è stata tramandata una qualche storia riconducibile a questa misteriosa apparizione.

BM

ponte picerno

 

Questa leggenda metropolitana, che pare venire da molto lontano, ha numerosi riscontri anche nella nostra regione. Questa storia, nella sua versione originale, racconta di una persona che a bordo strada chiederebbe un passaggio per poi farsi accompagnare nei pressi di un cimitero oppure di un bosco nel quale scomparirebbe senza lasciare traccia.  Molte persone, con le quali noi di Basilicata Mistero abbiamo parlato, riferiscono di essere state testimoni di un evento simile. La signora Mecca, che ha voluto fornirci la sua testimonianza, ci ha raccontato di aver assistito a qualcosa del genere nei pressi del ponte di Picerno. Come molti del luogo sapranno, quel ponte reca con sé un’oscura aura dovuta al gran numero di persone che si sono suicidate proprio in quel preciso punto.

Una sera d’inverno la nostra testimone si stava recando con il marito e una coppia di amici in un noto ristorante del posto. Una volta arrivati nei pressi del ponte, il marito della signora avrebbe inaspettatamente rallentato per poi frenare di botto. La coppia di amici, che sedevano sul sedile posteriore, chiaramente chiesero spiegazioni per quell’improvviso gesto, ma i due coniugi atterriti si guardarono negli occhi chiedendosi soltanto se entrambi avessero visto la stessa cosa. Ebbene, tutti e due erano rimasti terrorizzati dalla visione di una donna senza un arto che, dopo averli guardati arrivare da lontano, si sarebbe gettata sotto la loro macchina.

Quest’ultimo dettaglio allontana di fatto questa storia dalla vicenda tradizionale che fa dell’autostoppista fantasma una sorta di misterioso salvatore. Infatti le cronache vogliono che sia lo stesso fantasma ad impedire un incidente al guidatore che accetta di fermarsi. Probabilmente il marito della nostra signora non si sarebbe in ogni caso fermato per quanto spaventosa fosse, a suo dire, la visione che gli era comparsa davanti.

Basilicata Mistero non si è fatta scappare l’occasione di andare sul posto, ma come capita spesso dopo una segnalazione è difficile che uno spirito si manifesti una seconda volta, a meno che non abbia qualcosa di veramente importante da riferire a chi si reca sul luogo dell’apparizione.

Naturalmente chiunque fosse stato testimone di un evento simile a questo potrà segnalarcelo.

BM

 

tre luci pantano copia

Da qualche tempo in molte redazioni giornalistiche giungono segnalazioni riguardanti l’avvistamento di  un Y5X, sigla utilizzata in ambito militare per indicare un “oggetto non identificato”. Sembrerebbe infatti che in tutta Italia si stia scatenando la caccia agli UFO ( Unidentified Flying Object ).

Un fenomeno cominciato nel Nord del paese che pare voglia coinvolgere anche la nostra regione. Le città finora interessate da questo fenomeno sono diverse: Roma, Venezia, la provincia di Isernia, Perugia. Le persone che dicono di aver visto questi strani oggetti volanti nel cielo, hanno tutte fornito delle immagini video oppure delle fotografie. E, a quanto pare, non si tratterebbe affatto di burloni o accaniti appassionati di alieni. Al contrario, i testimoni di questi eventi sono tutte persone che mai nella loro vita avrebbero pensato di avere a che fare con un avvistamento UFO.

La vicenda, che nello specifico noi di Basilicata Mistero riportiamo in questo articolo, ha come fonte principale due abitanti di Potenza. Solo qualche sera fa, facendo ritorno lungo la via che lega il Lago del Pantano alla città capoluogo, i due testimoni hanno riferito quanto segue: “Facendo ritorno a casa, dopo il consueto allenamento in piscina, abbiamo visto una strana luce su una montagna. La luce era troppo bassa per essere attribuita ad una stella ma non così in alto per essere la luce di un qualche ripetitore. Quello che, però, ha attirato maggiormente la nostra attenzione era il colore blu di questa luce. A quel punto, abbiamo deciso di fermarci per scattare delle foto. Dopo qualche istante trascorso a bordo strada, la luce si è mossa ( come se tremasse) e poi è scomparsa

L’immagine  riportata di seguito in questo stesso articolo, non è in alcun modo un falso. E’ stata scattata nel luogo indicato dai testimoni e si lega ad alcune altre voci, che ultimamente circolano nella zona, relativamente all’avvistamento di oggetti alieni nel cielo della Basilicata.

Se anche voi siete stati testimoni di un avvistamento, fatecelo sapere. Qualsiasi notizia al riguardo potrebbe essere importante.

BM

 

 

 

Alla scoperta dei palmenti di Albano: semplici vasche o altari sacrificali?

Bf-9 - Albano

Quanti hanno letto la nostra “Guida ai Luoghi Misteriosi della Basilicata”, avranno appreso degli strani eventi accaduti in questo paese, della misteriosa Rocca Dell’Ischio e del vitello d’oro che sarebbe custodito al suo interno. Ebbene, approfondiamo a tale proposito un altro misterioso luogo di Albano nel quale si trovano degli strani lavatoi in pietra. Questi ultimi, secondo il Prof. Mario Scelzi, sarebbero degli altari sacrificali e non delle semplici vasche utilizzate per pigiare l’uva o il vino come sono soliti affermare gli anziani del posto. Scelzi nel suo “Albano di Lucania. Storia e cultura popolare”, pubblicato nel 1986, ritiene che  alcune di queste vasche fossero effettivamente utilizzate per scopi di carattere agricolo, ma sembrerebbe non essere un caso il fatto che questi “palmenti” si trovino lungo un tortuoso sentiero di montagna che nella stessa Albano conduce ad un altro luogo misterioso. Stiamo parlando della “Sedia del Diavolo”, una sorta di panca scavata in un monolito che ha le fattezze di un demone. Probabilmente questo luogo, al quale si può accedere solo attraverso una stradina che costeggia il fiume Basento, aveva la funzione di accogliere gli officianti ai rituali astrali che venivano praticati in questa zona. Non è da escludere l’ipotesi che queste vasche, in taluni casi collegate fra di loro, potessero servire a far defluire l’acqua che utilizzavano i partecipanti alle cerimonie per le abluzioni di purificazione che precedevano lo stesso rituale.

Noi di Basilicata Mistero abbiamo visitato il luogo e siamo concordi nell’ammettere che questi posti sono ammantati di una strana aura. Ciononostante, siamo d’accordo con quanti sostengono che la demoniaca fama della sedia e dei palmenti sia frutto di un processo di cristianizzazione dell’area. Di fatto è possibile che i neofiti cristiani vedessero quel luogo come un rinvio ad un passato dominato dal paganesimo. Dunque, per evitare che il posto venisse frequentato ancora dai nuovi adepti alla fede cristiana, iniziarono a costruire storie demoniache su questo luogo tanto affascinante quanto misterioso.

BM

 

Fuoco dal Cielo

In questi giorni stiamo assistendo ad una spettacolare oltre che pericolosa pioggia di meteoriti che sta interessando gli Uràli,  la catena montuosa che attraversa approssimativamente da nord a sud la Russia occidentale.
Una pioggia inattesa e violenta dal cielo, quasi 500 le persone rimaste ferite o contuse a causa dei frammenti di meteorite caduti dal cielo. Secondo l’agenzia Interfax sono sei le città in cui sono stati riscontrati danni. La caduta dei pezzi ha provocato l’esplosione dei vetri delle case ed è stato questo che ha causato i ferimenti.

Nelle ultime ore, sono giunte in redazione diverse segnalazioni riguardanti una probabile caduta di un piccolo meteorite nell’area Nord della nostra Regione.
Alcuni testimoni confermano di aver avvistato la scia luminosa cadere nelle vicinanze del Monte Vulture intorno le ore 20:15 del 14 Febbraio scorso.

Sembra non esserci nessun legame comunque tra la pioggia di meteoriti che stanno interessando in queste ore la Russia occidentale , il passaggio ravvicinato dell’asteroide 2012 DA14 e quanto accaduto qui in Basilicata.  Secondo gli esperti, nel calcolare le orbite degli asteroidi più vicini alla Terra «tra i due eventi non c’è alcuna relazione».

Le immagini della pioggia di meteoriti che stanno circolando su Internet comunque sono davvero spettacolari.
Su Youtube infatti sono stati caricati alcuni filmati ripresi da telecamere fisse.

BM

Avvistamento ufo Cancellara - Potenza copia copia

A quanto pare la questione Ufo continua a destare parecchio scalpore in tutta Italia. Non che sia una novità, ma in questi ultimi tempi, l’attività extraterrestre pare essersi intensificata sul nostro paese.
Noi di Basilicata Mistero stiamo indagando sul fenomeno perché continuano ad arrivarci segnalazioni riguardanti strani avvistamenti. La foto che vi mostriamo questa volta è stata scattata nei dintorni di Cancellara. Il gentile lettore che ha deciso di fornirci la sua testimonianza ha confermato degli strani movimenti compiuti in cielo dall’oggetto fotografato che riportiamo qui di seguito senza alcuna alterazione di carattere grafico.
L’avvistamento è durato circa 15 secondi e gli animali che si vedono in primo piano non hanno avuto alcuna particolare reazione.
L’oggetto indicato dalla freccia rossa è rimasto sospeso in aria per il tempo indicato, scomparendo poi in poco meno di un battito di ciglia.
Non è questo, però, l’unico caso. Come dicevamo all’inizio di questo articolo, fenomeni simili si stanno moltiplicando nel cielo della Basilicata. E’ il caso di un altro avvistamento verificatosi nei dintorni di Picerno solo un paio di mesi fa. Il signore che ha parlato con noi purtroppo non è stato abbastanza veloce da immortalare lo strano oggetto che ha visto volteggiare su una collina, ma crediamo certamente alla sua buona fede e soprattutto al timore con il quale ci ha riferito quanto gli è accaduto.
La domanda che a questo punto continua a ronzarci in testa è una sola: “Come mai tutto questo movimento in cielo? Se si tratta di Ufo, cos’è che stanno cercando?”
Continuando ad investigare, a questo proposito, abbiamo scoperto un altro fatto assai strano. Nel mese di maggio la nostra regione è stata interessata da un fenomeno strettamente legato alle visite aliene: i cerchi nel grano.
A Palazzo San Gervasio è comparso un enorme disegno che il Crop Circles Ufo’s inglese ha ricondotto alla presenza aliena. Il quotidiano “La Nuova del Sud”, che ha riportato la notizia, riferisce di essere stato contattato dal centro inglese in virtù dell’enorme somiglianza tra il misterioso cerchio apparso qui da noi in Basilicata e una grossa medusa comparsa nel 2009 nella contesa di Oxfordshire: una figura di circa 180 metri in un campo di Kingstone Coombes, definita “il più intrigante crop circle mai apparso in Gran Bretagna“.
Noi di Basilicata Mistero continueremo a scrutare il cielo. E, d’ora innanzi, getteremo un occhio anche ai campi di grano. Voi, se ne avete l’occasione, fate lo stesso: potreste essere spettatori di un fenomeno di natura extraterrestre.

BM